• Biomeccanismo Posturale OG

    E'un principio fisico/meccanico che ci permette di vivere su questo pianeta con il minimo sforzo e senza stress fisico-psichico.
  • Ri-Equilibrio Biomeccanico

    Conseguire l'Equilibrio Meccanico del Corpo con il Biomeccanismo OG-OcclusioneGravità è vitale come mangiare e bere.
  • Risultati evidenti

    Con il Trattamento Bio-Posturale Meccanico OG si ottengono questi risultati. Il corpo si decomprime perchè sente meno l'effetto della gravità.
  • 1
  • 2
  • 3
Mercoledì, 31 Dicembre 2014 14:29

Testimonianze dalla 61 alla 65

Scritto da 

  

Testimonianza 61. Antimo (Veneto)

"Salve a tutti, ho 21 anni e sono al nono mese di Trattamento OG.

La mia storia è simile a molte altre, anche io venivo da anni di varie terapie infruttose e sintomi fortissimi...Però l'ultima (con un bite) ha avuto il pregio di farmi capire che ero sulla strada giusta: il mio problema stava "nella bocca" ma non lo sapevano risolvere e alcuni piccoli miglioramenti ottenuti me lo suggerivano.

Ero convinto che il mio problema stava li e dovevo trovare qualcuno che lo sapesse risolvere. Poi ho trovato il sito di Maurizio, il meccanismo sensato e sopratutto che aveva riscontri con le valutazioni posturali fatte e i miei sintomi. Ho cominciato con il Supporto OG, capito il mio disequilibrio e sono arrivati i miglioramenti. Alcuni li noto, altri me ne accorgo solo quando ci penso e dico: "Ma quanto tempo è che non sento più quel problema".

Di molti miglioramenti me ne accorgo quando ritornano i sintomi ma sono contento perchè vuol dire che o me ne ero dimenticato o comunque sono stato molto tempo senza (mentre prima quei sintomi erano continui).

Ci sono periodi buoni in cui si migliora e cattivi in cui si peggiora (e fa male), ma la media è in miglioramento.

Non sono completamente in equilibrio meccanico (partivo da un disequilibrio abbastanza grave e sintomi tosti), certi problemi e sintomi si fanno ancora sentire forti ed ho ancora molta strada da fare ma ora ho una vita normale.

Forse questa è la cosa più importante, sto abbastanza bene da avere una vita normale, avere voglia di ritrovare benessere ma non l'ansia di guarire al più presto.

 

Grazie Maurizio. "

 

Testimonianza 62 La mia testimonianza (Maurizio Formia) (scritta e pubblicata nel 2011)

Vi scrivo un riassunto perchè ci vorrebbero pagine e pagine anche solo per riportare i circa 750 documenti tra visite, esami e documenti legali che mi accompagnano in questa lunga vicenda...

Chi è Maurizio Formia lo scrivo nella pagina "chi sono" del sito tuttavia oggi non ci sono più documenti ( pubblici, li ho spubblicati per tutelare la mia privacy) che riportino quello che per me è stato un vero eproprio "calvario"; non so come possa essere stato quello vero ma sono sicuro che quanto a sofferenza non prendo lezioni davvero da nessuno.

Ho provato cosa significa essere "malato terminale" di cancro e la mia prospettiva era l'Hospice con qualche ora di vita, per dirvi fin dove sono arrivato.

Parto dall'inizio, nato asimmetrico con dismorfosi ossea del mascellare (dai referti medici) che mi portava un Disequilibrio Meccanico nella fase peggiore, la Fase 4 descritta nel mio libro.

Sono stato sofferente fin da bambino, in questo mondo che non sentivo mio perchè non vivevo bene questa che sentivo chiamare "vita" e che per me era un incubo.

Credo di essere nato con il mal di testa e fino ai 33 anni, dopo un anno e mezzo che stavo sperimentando le cose che leggete oggi nel mio sito, non ho sentito sparire quella specie di coltello infilato nella nuca che mi portava dolori lancinanti 24 ore al giorno.

Ho cominciato a suonare all'età di 5-6 anni e a 10 suonavo già sui palchi con una batteria più grande di me davanti che mi impediva di vedere il pubblico.

Dai 12-13 anni mi rendo conto che non riuscivo a fare cose che normalmente facevano tutti come per esempio attraversare una piazza senza sentire uno stordimento e una vertigine come se fossi costantemente sull'orlo di un precipizio.

I miei muscoli del collo e delle spalle-schiena non ho ricordi che fossero rilassati: di marmo! Qualcuno guardandomi la schiena mi diceva di smettere di fare palestra perchè per il torace a V che avevo dicevano che "me la tiravo", eppure non ho mai fatto palestra salvo poi durante i mille trattamenti inutili che ho provato e sperimentato inutilmente prima di scoprire quanto pubblicato sul mio sito www.maurizioformia-og.info

Dai 17 anni i sintomi cominciano ad essere invalidanti e nonostante questa "disabilità" sono "abile arruolato di prima" nell'esercito. 

La storia la sapete dall'introduzione del mio libro ma dovete sapere cosa significa per una persona di 20 anni non riuscire ad uscire da una stanza senza sentirsi alieno, la stessa sensazione che provereste tutti se vi capitasse di vedervi arrivare un meteorite sulla testa, la stessa consapevolezza di non poter fare nulla, di essere impotenti. 

Questa impotenza per me era dettata dal mio corpo che non sentivo mio: avevo una forza psicologica esponenzialmente superiore a quella fisica: avevo la potenza di un motore di una Ferrari in un motore fisico di un motocarro apecar, per rendervi l'idea e per dire che, nonostante nessuno individuasse la causa dei miei problemi, continuavano a darmi dello psico-somatico e del depresso.

Mai stato depresso e mai stato psicosomatico (oggi lo dicono i numerosi referti, perizie medico legali e anche sentenze). 

La sindrome ansioso depressiva reattiva di cui parla la sentenza del 2011 si riferisce alla frustrazione abnorme subìta a causa della mancanza dell'identificazione del Disequilibrio Meccanico (che di fatto è impossibile da identificare in medicina) ma io non sono MAI stato depresso e la mia ansia e i miei "attacchi di panico"confusi con sindrome di Meniere (in realtà scariche di adrenalina da compressione), non avevano nulla a che fare con una depressione!

In realtà vivere una situazione deprimente non significa essere depressi, capite la differenza? 

Molti di coloro che si sono avvicinati al Meccanismo OG la capiranno perfettamente.

Il problema è questo: se voi, che state leggendo questa pagina, siete depressi o ansiosi...siete sicuri di esserlo veramente oppure come me avete un Disequilibrio/Asimmetria MAI identificati? 

Ho passato 13 anni, dai 17 ai 30 come "falso abile al lavoro", in uno stato di falsi invalidi è persin comica la mia situazione eppure una enorme forza di volontà mi ha portato ai 30 anni quando sono crollato definitivamente e ho perso lavori, affetti e vita sociale. Artrosi cervicale a 30 anni e tutta una serie di disturbi estremamente invalidanti.

Chiuso in una stanza per quasi 3 anni senza poter muovermi dal divano in preda all'ansia, alle vertigini e ai dolori alla testa e al collo. 

Spesso mangiavo camminando attorno al tavolo perchè da seduto le vertigini mi facevano girare la casa e vomitavo al primo boccone. 

Spesso dicevo a mia madre che non riuscivo a stare seduto, a stare in piedi e nemmeno coricato! Avrei voluto volare ma nemmeno quello mi avrebbe dato una tregua dei sintomi. 

Non ho mai pensato al suicidio perchè sapevo di dover trovare una causa a questo malessere che non poteva essere spiegato semplicemente "non spiegandolo" e dando la colpa alla mia psiche che era di una persona psichicamente sana e forte, anche per le esperienze di lavoro, militari e di vita sociale precedenti. 

Nessuno si è mai permesso di dirmi che fossi una persona con problemi psichici, lo dicono anche i numerosi referti medici che ho accumulato in tutti questi anni. Doveva per forza esserci un'altra causa!

Avevo ragione perchè dopo aver scoperto che la causa dei miei problemi poteva essere la zona occlusale ( il morso, per intenderci), si aprì un mondo e cominciai a documentarmi e a informarmi.

Dopo anni di terapie e cure inutili che parlano di occlusione e postura ma che non hanno una base scientifica, avevo la consapevolezza che il mio problema partisse dal morso ma nessuno riusciva a schiodare quella sintomatologia che diventava sempre più invalidante. 

E' in questo periodo che, a mio avviso, lo sconforto per tanta malasanità mi provoca il tumore: un linfonodo sottomandibolare guarda caso sotto una radice inclusa mai estratta dai dentisti che dicevano che sarebbe uscita da sola: un'infiammazione cronica a un dente. 

Il linfoma è partito proprio da lì checchè ne dicano medici especialisti che non ci sono evidenze scientifiche; non ci saranno ma non sono stupido. 

Mi preme sottolineare che fin da piccolo il mio sistema linfatico è stato debole, guarda caso: già da bambino il mio medico di base diceva a mia madre che ero un soggetto"linfatico"!!! 

Ero nella Fase 4 del Disequilibrio Meccanico. 

Il linfoma ce l'avevo da decenni.

In quel periodo dal 2001-2002 per scoprire cosa ho scoperto facevo una modifica a questo supporto/masticone ogni 2 o 3 ore; limavo, mettevo resina e la toglievo, aiutato da mia mamma che mi doveva tenere il busto sulla sedia, limavo per qualche secondo sostenuto da lei per non cadere e dovevo subito stendermi sul letto per non svenire dal dolore e dalla vertigine. 

Per 2 anni questa è stata la mia vita fino a quando ho capito cosa dovevo fare (dopo errori ed errori) e fino a quando ho cominciato a veder sparire la mia tachicardia che mi accompagnava da anni e sentivo il mio collo che si stava gradualmente rilassando, imparando a rilassarsi, in quanto non lo è mai stato.

Il mio errore era stato quello di ragionare in termini medichesi e ascoltando il parere dei medici.

Dovevo cancellare tutto e ragionare come un ingegnere, un architetto, un meccanico e metterci anche un po' dell'artista che avevo da mio padre e mio nonno.

La scoperta è avvenuta per caso, mentre costruivo un oggetto in legno ed elastici che emulava un corpo umano: bastava inserire un elastico in meno che la costruzione crollava: bastava mettere un elastico più lungo o più corto o rendere la struttura "non speculare", che la costruzione crollava. Lo stesso avviene per il nostro corpo.

Invece di studiare il mio strumento musicale sono stato costretto a studiare il mio “strumento” corpo umano.

Io ritengo fermamente che l'essere un batterista, per sensibilità sui movimenti e sulla “simmetria dei movimenti” sia stato per me di grande aiuto nello scoprire il Meccanismo che Sostiene Corpo e Psiche.

Mentre mi sparivano molti sintomi e problemi che mi attanagliavano da anni grazie al riequilibrio, il mio sistema linfatico peggiorava.

Le mie lunghe e faticosissime battaglie per veder riconosciuta la mia sofferenza andavano avanti con esami miei fatti privatamente a pagamento, comparativi, che dimostravano il mio problema e la validità della mia riabilitazione ma, purtroppo, nessuna possibilità di lavorare e nessun aiuto economico da parte di nessuno. 

Avevo versato contributi INPS ed Enpals per 20 anni (ne avevo 30) e non avevo nessun diritto! Paradossalmente un carcerato aveva più diritti di me, con tutto il rispetto per tutti, anche per i carcerati ma io non ho mai rubato o fatto del male, anzi! Già dal 2001-2002 pubblicavo le mie sperimentazioni e aiutavo gente senza tornaconto.

Pensate che in uno dei tanti accertamenti per l'invalidità i medici legali dell'INPS ebbero il coraggio di scrivere che ero un "soggetto altamente rivendicativo". Oggi conoscete la motivazione per cui rivendicavo i miei diritti.

Ho sempre avuto una forza di volontà enorme e oggi i fatti mi danno ragione quindi vi dico di non mollare mai che c'è sempre una via d'uscita.

Vado avanti dal 2003 al 2008 con continui miglioramenti della vecchia sintomatologia ma peggioramento del tumore: il trattamento OG non guarisce un linfoma, a dimostrazione della mia buona fede (sicuramente in equilibrio meccanico si è più forti e si hanno più probabilità di uscirne) eppure vado avanti fino a quando nel 2009, un anno per pubblicare il libro che è stato devastante per la mia malattia (scrivere un libro che non è un romanzo ma, a detta di molti professionisti, un trattato scientifico, con un tumore in fase terminale non è proprio uno scherzo) il tumore si mangia tutto il mio corpo: 38 kg di peso con polmonite e versamenti pleurici e al pericardio.

Poche ore di vita, entro in coma, in rianimazione all'ospedale nessuno mi dà speranze tra i rianimatori che hanno fatto un miracolo a intubarmi(ringrazio particolarmente il dott. Ramello).

Il mio ematologo, dott. Aitoro G.(con il suo staff preparatissimo) non perde la speranza e inizia a farmi dosi massicce di cortisone. Dopo quasi 2 settimane di coma , mi sveglio con i linfonodi quasi sgonfi: il primario della rianimazione incredulo telefona a mia mamma che si aspettava il peggio e le dice che mi ero svegliato e avevo parlato tutta la notte con lui della mia scoperta. 

Ci tengo a ringraziare personalmente questi professionisti, di cuore.

Il resto della storia è noto: sono qui che vi scrivo e sono tornato a vivere una vita normale rispetto a prima, considerando che gli strascichi del coma mi hanno impedito di muovermi e camminare fino a soli pochi mesi fa e anche a causa di una medicina cieca e di istituzioni assenti non potrò mai tornare una persona nuova ma, perlomeno, oggi riesco ad assaporare (senza vertigine e mal di testa trentennali) quella che quasi quarant'anni fa sentivo chiamare vita e che per me era un incubo.

I medici, gli specialisti e anche il Giudice in Tribunale mi chiedono come ho fatto e come faccio ad essere qui con questa forza e aiutare gli altri; io rispondo semplicemente che sono qui perchè sono in Equilibrio Meccanico.

 

 

Letto 4260 volte
Per poter inviare commenti Registrati o effettua il Login

Approfondimenti

Non esiste una laurea in questa disciplina! 

Le evidenze scientifiche immediate su sportivi e atleti 

Fatalità o Disequilibrio Scheletrico-Muscolare?

I calciatori in Disequilibrio Meccanico

Atleti e sportivi in Disequilibrio Meccanico

 

 

Visualizza +

Riconoscimenti

Pubblicazione su Diritto.it del 15/04/2013

Sentenza del Tribunale di Torino del 25 agosto 2011

Articolo sulla rivista dell'Arma dei Carabinieri UNAC - aprile 2011

Il caso di Simone sul Messaggero - Articolo del 2011

 

 

 

Visualizza +

Il libro

"IL MECCANISMO CHE SOSTIENE CORPO E PSICHE"
- Maurizio Formia -
Anche nelle librerie "La Feltrinelli"

Approfondisci +

blOG


Una sezione con articoli, comunicazioni e interventi interessanti...

Vai al blOG +

Copyright Maurizio Formia © 2012. Tutti i Diritti Riservati.

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per saperne di più